Piyaz Turkish Restaurant

di Linda Capeloto Sendowski il 27 ago 2009

Carne Foto di piyaz Ristorante

Saluti dalla East Coast. Domenica ho intrapreso la mia visita semestrale a mia sorella in New Jersey. Il nostro stare insieme rituale comprende una lunga settimana di shopping, mangiare, e alla ricerca di empori alimentari unici, avventura.

Queens era la nostra destinazione di oggi, dal momento che ci sarebbe passarlo sulla superstrada Van Wyck da JFK a Long Branch, New Jersey. Siamo usciti dalla superstrada di controllare i 5 comuni, tra cui Lawrence, Woodmere, e Cedarhurst. Con mia grande gioia, diversi ristoranti sulla strada principale erano pubblicità Borekas sui loro cartelloni pubblicitari. Il calore del giorno stava diventando opprimente con l'alto tasso di umidità rendendo l'aria pesante e siamo tornati alla macchina dopo aver tentato di acquistare un tè verde freddo non zuccherato. Suppongo che non bevono qui. Era il momento di dirigersi verso la nostra destinazione reale, piyaz, un ristorante turco.

Pictures from Piyaz Restaurant of table and woman

Piyaz è l'unico autentico ristorante kosher, turco negli Stati Uniti. Piyaz è stato aperto meno di un anno. E 'un ambiente luminoso e allegro e l'aspetto immacolato mi ha fatto sperare che il cibo sarebbe gustoso. Il nome piyaz deriva da un insalata turca con fagioli bianchi, lattuga, prezzemolo, cipolle e peperoni verdi. Anche se i due di noi hanno ordinato abbastanza cibo per 4 a 5 persone che non ordinare il piyaz.

Pictures from Piyaz Restaurant of the full table

Il nostro cameriere, un, fresco faccia, bel giovane da Odessa, era desideroso di compiacere. Abbiamo ordinato un piatto di combinazione di antipasti freddi, tra cui, tabouli, melanzane arrosto, melanzane con pomodori, melanzane speziate macinata con peperoncino rosso, limone e foglie di vite ripiene. Le melanzane erano tutti molto diversi, ma la fumosità e l'olio d'oliva fruttato era evidente. Ho apprezzato molto il verde fresco prezzemolo gusto del tabouli. Il riso ripieno quasi cremoso delle foglie di vite era delizioso.

Poi venne la zuppa di lenticchie, proprio come la mia mamma, denso e cremoso con la giusta quantità di condimento. Gli antipasti caldi sul menu tutto sembrava così allettante, abbiamo finalmente optato per il Kuba, agnello farcito bulgur gnocchi di grano fritto croccante e un ripieno di spinaci, lungo boreka 10 pollici di pasta filo fatta in casa cotto a un marrone dorato. Un piatto di Lahmagun, sottilmente stratificato, gonfio, pasta al forno condita con agnello speziato terra e pomodori era ben conditi, ma non overlly piccante.

Pictures from Piyaz Restaurant of the 10-inch long boreka

Lungo boreka 10 pollici

Noi stavamo cominciando a sentire un po 'pieno, così abbiamo inviato i piatti non finiti di nuovo in cucina per essere imballate in scatole pecorina. Proprio in quel momento, il cameriere è comparso con un enorme piatto di grigliata mista su un letto di riso pilaf. La grigliata mista inclusa, Shawarma, pollo Shish Kebab, Pollo Adana, manzo shish kebab, costolette di agnello, costolette e pollo guarnito con peperoni alla griglia, pomodori, cipolle grigliate e fette di limone. Ogni carne aveva una spezia e condimento leggermente diverso. La frase 'scommessa non si può mangiare solo un' viene in mente.

Dal momento che tutto era così saporita e reminisent delle mie famiglie cuisine abbiamo mangiato fino al punto di rottura. Piyaz è unico nelle sue scelte di menu, e se siete sulla costa orientale, o volare in JFK prendere il tempo di fare una deviazione lungo la strada meno percorsa per così dire e sperimentare un gusto autentico della Turchia.

Quota
Print This Stampa questo | Versione PDF

comments… read them below or add one } {6 commenti ... leggere qui sotto o aggiungere uno }

Freya Muhlstein 4 Settembre 2009 alle 02:57

Sei veramente uno scrittore di talento, E 'una gioia leggere i vostri viaggi e le imprese alimentari!

ragazza greco da regine 13 febbraio 2010 alle 17:33

Oh ... mio ... stelle! Ho appena cliccato su questo proprio ora, ed i miei occhi scorsi i nomi Woodmere, Lawrence, Cedarhurst e, di tutte le cose, la Van Wyck Expressway ...

Piccolo mondo ... molto piccolo mondo, infatti, come ho usato per vivere in Rosedale (nato a Astoria, poi si trasferì a Flushing, poi a Rosedale per praticamente la maggior parte della mia infanzia e adolescenza e molto primi anni venti), prima mi sono trasferito fuori per conto mio e sulle parti più urbane / suburbane meno di Queens (Woodside e Sunnyside).

Il mio amato padre ha aperto una pizzeria kosher in Cedarhurst ... molti, molti anni fa. Non ha fatto bene, purtroppo, e così ha venduto e ha aperto un negozio di caffè in Rockaway Park, dove ha fatto molto meglio di un buon paio di anni.

E 'veramente un piccolo, piccolo mondo. Ricordo Cedarhurst e Woodmere, e anche Hewlett tanto, tanto bene ... proprio a due passi da Rosedale, davvero. Mi ricordo la bella tempio vi ... era Tempio Hillel, credo? Proprio sul confine di Rosedale, dove si trasforma ben presto in uno Valley Stream o Woodmere, a seconda della direzione in cui si è andato da Rosedale in poi? Ricordo Green Acres Shopping Mall, troppo.

Grazie, ancora una volta, per riportare in vita tante bella infanzia e primi ricordi adolescenziali per me.

theborekadiary 14 Feb 2010 alle 03:16

Ciao ragazza greca, se avete la possibilità fare una prenotazione e andare a mangiare al piyaz. Il cibo era davvero incredibile. Io non sono un nativo di East Coast, ma grazie a mia sorella che abita al Jersey Shore, abbiamo sempre andare ad esplorare durante la mia visita. Abbiamo GEW a Seattle, dove c'è una grande comunità sefardita. Prendete questo link ai siti sinagoga a Seattle e sarete sorpresi. http://www.sbhseattle.org http://www.ezrabessaroth.net

greekgirl da regine 16 febbraio 2010 alle 07:52

Se mai dovessi tornare a New York ... arrivare a questo, se mai dovessi tornare negli Stati Uniti (io vivo in Irlanda ora) io sicuramente check out piyaz. Dalla tua descrizione e le foto, suona come foodie-paradiso.

Mio zio (il drogato mistero dessert) viveva a Newark ... Irvington, se la memoria non serve. Ancora una volta, io non sono tornato negli Stati Uniti per ben 11 anni, ma un giorno, spero di tornare per una visita (e un tour di cibo di tutti i posti che ricordo frequentare, una volta in Oriente Coast).

Vi siete mai chiesti tua mamma sul mistero dolce noi (voi, io e Marilyn) stavamo cercando di ricordare? Ho anche appena abbonato a bellissimo blog di Janet sefarditi Foods, e posso ora e Marilyn dico che era kolva, dopo tutto. Marilyn, se si va al blog di Janet, vedrete la ricetta per lì. Che cosa ha detto tua mamma, se lei ha chiesto a questo proposito? Ti ha ricordo come si chiamava, e se lo avesse fatto, quello che era il suo nome per questo? Avete mai assaggiato questo dessert (che ho imparato è a volte indicato come un porridge, ma anche un cucchiaio dolce), e se l'avete fatto, cosa ne pensi di essa, e quali sono i tuoi ricordi di esso?

theborekadiary 16 febbraio 2010 alle 12:21

Ciao ragazza greca, ho dimenticato di vivere in Irlanda. Ho chiesto qualche altra famiglia oltre a mia madre. Mia madre ricorda di mangiare qualcosa chiamato Shuroup de Passas il venerdì. Shuroup de Passas era uno sciroppo di uva passa bollito servito come bevanda di spessore in un bicchiere. Mio cugino Louise ha suggerito che forse la tua nonna, Nona era creativo con lo sciroppo rimasto e noci da fare baklava. Vi terrò chiedere per voi. Linda

greekgirl da regine 17 febbraio 2010 alle 04:06

Ciao Linda - Shuroup de Passas suona abbastanza vicino, almeno dalla descrizione di tua madre (la benedica per ricordare e condividere questo), ma il nome stesso non squilla un campanello. Penso che Janet ha colpito il chiodo sulla testa quando lei si avvicinò con 'kolva.' Che subito in risonanza con me. Sapevo che suonava simile a uno halvah o baklava (suono la 'k' e il suffisso 'vah', ma non riuscivo a mettere insieme i due ... fino a 'kolva' fatto un passo sulla scena.

Il mio Nunna ha fatto fare baklava, ma non molto Otten, quindi non ho forti ricordi di esso o come assaggiato. Penso che mi piacerebbe provare la mia mano a fare che, come bene. Io dirò di nuovo - il tuo blog e ora il blog di Janet hanno entrambi decisamente ispirato e mi ha motivato a riconnettersi con la mia eredità, a molti livelli, e vi ringrazio tanto per questo.

Quando ero un ragazzino, mi ricordo di aver voglia di imparare a parlare russo (lato di mio padre della famiglia - al di fuori di Kiev) e greco. Mi ricordo di prendere quei grossi libri in lingua Berlitz fuori della nostra biblioteca locale e versando su di loro per ore, cercando di impressionare entrambe le mie nonne. Loro mi hanno insegnato qualche parola, qualche frase, ma purtroppo e con mio grande rammarico, non mi tenere il passo con essa, e, come i bambini spesso fanno, ho appena andato ad altre cose che mi interessavano.

Quello che mi piacerebbe davvero fare è insegnare a me stesso greco di nuovo, e poi un giorno visitare Iannina.

Lascia un tuo commento


(Solo ID. Nessun link o simboli "@")

Post precedente:

Next post: