Walking Through Izmir

di Linda Capeloto Sendowski il 2 mag 2010

La Turchia di viaggio 314

Sabato 17 aprile

Quarto giorno Izmir Vecchia sinagoga

Il nostro cugino Haim cugino, un altro Haim a prenderci al Swiss Hotel Lobby. Un uomo nervoso, un medico, con un basso tiroide, Haim camminato con noi per la parte vecchia della città per una sinagoga che è stato aperto questo Shabbat sulla rotazione. Come ci siamo diretti più nelle cose della città erano più anziani, earthier, la patina della moda in folla che frequenta i ristoranti e locali sul lungomare c'era più. ......

Attraversando le strade affollate, dirigendosi ulteriormente nella parte più antica densamente popolata di Izmir è stata una grande emozione. Camminando Carezze panetterie, boreka negozi, venditori di pesce, ci sono stati un paio di donne che indossano il velo colorati e lunghi cappotti. Stava diventando molto caldo e umido. Arresto di utilizzare le strutture in un piccolo centro commerciale di produttori di borsa all'ingrosso, abbiamo notato un grande cartello pubblicitario chanta mart. Ricordo la mia Nona chiamarla borsa il chanta!

La sinagoga era una porta oscura e per passare si doveva sapere per la guardia di sicurezza dietro il cancello grigio impersonali. Come siamo stati ospiti di Haim, ci hanno lasciato in. L'edificio era molto vecchio e l'ingresso era un po 'Midrash per le preghiere quotidiane. Il santuario principale aveva una grande elevata Teva (dove si leggono i rotoli della Torah) Ci sono stati esattamente 3 passi su due lati della piazza Teva. Quali 3 passi sono significativi di ora mi sfugge.

La galleria era un quadrato che circonda la Teva con banchetti con cuscini lungo le pareti. C'erano anche banchetti sul perimetro della Teva. I pavimenti coperti di vecchi tappeti turchi ben indossato. Il soffitto ornato con turchese, oro e blu disegni festoni con molti lampadari appesi bassi creato un ambiente accogliente e in qualche modo familiare.

Il Hazan (il cantore che canta il servizio) aveva una voce melodiosa in un baritono. Chiusi gli occhi e trasportati indietro alla mia infanzia a Seattle. Abbiamo incontrato tutti i 15 o giù di lì i partecipanti dopo i servizi e una breve degustazione di Huevos Haminados (tradizionali sefarditi uova sode con bucce di cipolla) e boyuz de spinaca (spinaci riempito pasticceria) insieme.

Tornando verso l'albergo abbiamo preso una deviazione passato di Shabatai Zvi casa e alcune antiche rovine in fase di scavo. Dopo aver attraversato la strada, siamo entrati in una specie più ristretta di territorio che era il vecchio Juderia. Avrei voluto avere un paio di milioni di dollari per dare a ripristinare tutti i vecchi congregazioni e gli edifici della comunità. Ci fu una fiorente comunità in Turchia di oltre 500.000 ebrei e ora un mero 25.000 rimangono, per lo più in Istanbul. Le poche migliaia di Izmir non può mantenere tutte le vecchie strutture. Siamo passati non meno di 5 vecchie kilahs (sinagoghe nel giro di pochi isolati. Quando siamo passati davanti al vecchio centro sociale, dove il rabbino capo risiedeva, ora abbandonato, Haim dice che ricorda i bei pavimenti in cotto e giocare lì come un ragazzo. Un punto luminoso in tutto questo è un restauro di uno kilah originariamente costruito con i soldi da Donna Gracia Nassi . Google lei.

Uscendo dal quartiere ebraico, siamo entrati nel mercato dei prodotti freschi con un bazar coperto, pieno di bancarelle all'aperto., Produrre, ha portato via a pescare, poi abiti da sposa, scarpe, gioielli, lokum, halva ... ..

Era ora di 85 gradi e umido come diamine, Haim ci ha accompagnato tornare in albergo, un'oasi cenno e ci congediamo.

Abbiamo riposato per un po ', aveva qualche pranzo e poi a sinistra a piedi da negozio tappeto cugino di Haim. Abbiamo passato il resto del pomeriggio in visita e conoscere tappeti.

Quota
Print This Stampa la pagina | Versione PDF

comment… read it below or add one } {1 commento ... leggere qui sotto o aggiungere uno }

Lascia un tuo commento


(Solo ID. Nessun link o simboli "@")

Post precedente:

Next post: