Esplorare Rodi

da Linda Capeloto Sendowski il 3 maggio, 2010

Turchia Trip 639

Martedì 20 aprile

Oggi ci siamo svegliati un po 'più tardi, intorno alle 7, dal momento che la nostra guida è stato programmato per prenderci 09:00. Siamo andati al piano superiore al 10 ° piano Dinning Room, consumato una bella colazione mentre ammirate il Mar Egeo, e guardare le navi da crociera in arrivo di attraccare. Il tempo sembrava inquietante.

Alex è stato qui in albergo in tempo e siamo saliti nel suo piccolo grazioso guado di guidare a Lindos una piccola città e le antiche rovine sul lato asciutto dell'isola. Guidare oltre il terreno roccioso, siamo passati molti uliveti, agrumeti e alberi di pistacchio. Rodiesi rango più alto del mondo del consumo pro capite di olio d'oliva, pomodori e formaggio feta. Ci siamo fermati in un posto prospettiva per scattare una foto. Lindos era al di sotto nella sua crudezza bianco lavato, circondato da piccole baie di acqua blu del Mar Egeo e sopra l'acropoli torreggianti ed ex fortezza da tempi antichi. Abbiamo ottenuto dalla macchina a Lindos e ha iniziato a camminare attraverso le strette e tortuose, negozi per le vie della città. La città ben presto il posto a ripidi scalini che salgono sul fianco della montagna, poi rampe salendo, più passi fino a quando abbiamo raggiunto la base del forte, quindi più passaggi. Una volta dentro i cancelli c'erano più passaggi, più di 300 in tutto. Io respiro difficile ora e il sole caldo è emerso per riscaldare le cose. Le rovine sono incredibili, così come la vista. C'erano strati di diversi conquistatori e civiltà, dai tempi antichi, pagani, romani, e Crociati e su e su. Abbiamo iniziato la nostra giù decente. Quando siamo arrivati ​​fino alla città, abbiamo a zig zag lungo una strada laterale e ci sedemmo in un caffè per un po 'di ristoro. Ho avuto un frappe! Espresso montata con lo zucchero e ghiaccio. Yummy !!

Oh mio Dio, volevamo essere al cimitero ebraico in un sacco di tempo prima che si chiuda, alle 01:00 lascia correre di nuovo a lui auto. Alex ha guidato la nostra guida veloce e abbiamo raggiunto il cimitero entro le ore 12:30. Il cimitero è molto ben tenuto in contrasto con la tristezza in decomposizione che abbiamo sperimentato in Tekirdag. Questa è stata un'esperienza emozionante vedere come molti cognomi su lapidi abbiamo potuto riconoscere. Anche se questo non è il sito del cimitero originale, gli occupanti italiani sotto Mussolini aveva tutte le tombe spostate al di fuori della città per questa posizione corrente. Noi addio alla famiglia sepolta qui e si diresse verso la città.

Avevamo ancora molti luoghi ebraici ancora da visitare. Ci siamo fermati per un breve spuntino di qualche Spanakopita e poi parcheggiato al di fuori delle mura della città vecchia. Siamo entrati nella città vecchia attraverso la porta di Marina ea piedi il vecchio ospedale crociato. L'ospedale, ha iniziato per ordine di Hospitalle r cavalieri durante le crociate è molto ben conservato. Le palle da catapulte antichi sono accatastati negli angoli del cortile e l'edificio è enorme. Sulla strada dei Cavalieri, ogni paese aveva un proprio edificio battente bandiera di quel paese di fronte. Abbiamo iniziato a raggiungere a piedi il vecchio quartiere ebraico lungo le antiche strade lastricate in parte con mosaici in pietra alveo, che potrebbe essere molto scivoloso.

Nel quartiere ebraico, c'è un monumento al 1600 ebrei presi dai nazisti. Solo 160 sono sopravvissuti. Abbiamo fatto una svolta a destra e siamo entrati nella Kahal Kadosh sinagoga. E 'stato restaurato attraverso generose donazioni. Carmen il curatore e la sua assistente sono stati molto gentili. Era emotivamente edificante vedere la vecchia sinagoga e immaginare la vita idilliaca della comunità ha portato qui a Rodi.

Abbiamo seguito la Calle de Los Ricos (via dei ricchi) e in giro, passato un'altra vecchia sinagoga ora in uso come qualche edificio professionale. Eravamo alla ricerca di porte con le ombre o tacche dal vecchio mezzuzot. Curvatura dietro l'angolo apparve la vecchia scuola Aliance dove venivano educati mia Nona Capeloto ei suoi fratelli. C'è un ragazzi e le ragazze della scuola. Rodi era una comunità abbastanza ricco che anche le figlie del successo andavano a scuola in Francia per diventare raffinate signorine.

Abbiamo curve ancora una volta in per quello che sembrava essere un terreno abbandonato, ma era il guscio bombardato fuori dal vecchio Kahal Grande. Gli Alleati nella seconda guerra mondiale bombardarono dopo esistente da oltre 500 anni. Frammenti di elegante marmo restano pavimenti intarsiati e la fondazione in cui la centrale di Teva era. Attraversando la strada successiva, Calle Samuel Alhadeff, abbiamo iniziato a camminare di nuovo verso dove abbiamo lasciato l'auto.

Alex ci ha spinto a tornare all'hotel dove abbiamo lasciato tutte le nostre borse in eccesso e poi ci ha restituito alla città vecchia di mangiare e camminare un po '. Stavamo morendo di fame. Abbiamo un'offerta Alex addio e siamo andati al ristorante di pesce in un angolo di Aristotele e Alhadeff Street. Il proprietario è stato così bello. Ci ha portato in cucina a scegliere il nostro pesce per la cena dai cassetti di ghiaccio di pesce. Abbiamo mangiato una meravigliosa cena di insalata di rucola, patate e branzino alla griglia. Mentre si parla con il proprietario, dopo cena, ha spiegato che questo era un panificio, ma suo padre e ha cambiato il business di un ristorante.

Abbiamo spiegato che i nostri nonni erano da Rodi e lui ha detto che un tempo questo edificio era stato il Yacov Scuola Beit per le ragazze. Lo seguimmo nella parte posteriore e là, con nostro grande stupore era una pietra, nello stampaggio soffitto, in ebraico proclamare questo la Yacov Scuola Beit! Ho chiesto se conosceva il nome Capeloto, ha detto naturalmente. Ho chiesto se sapeva dove il panificio Capeloto era e lui ha detto sicuro, e indicò le posizioni a noi. E 'angolo catty al suo ristorante all'interno di un'area recintata per lavori di ristrutturazione. Wow, il mio cuore mancò un battito.

Siamo tornati in città e abbiamo deciso di trovare il Mandrake, una passerella che si protende verso il porto dove il Colosso di Rodi era in tempi antichi. Il nostro grande zia Notrica parla passeggiando sulla Mandrake nel suo video sull'Isola di Roses o Rodi.

Bene tornare in hotel e buonanotte tutti. Linda

Quota
Print This Print This | Versione PDF

comments… read them below or add one } {2 commenti ... leggere qui sotto o aggiungere uno }

Lascia un commento


(Solo ID. Nessun link o simboli "@")

Post precedente:

Prossimo post: